Tifo Cosenza
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Roberto Gemmi: “Il Cosenza si era appiattito, ecco perché abbiamo cambiato tecnico”

Il direttore sportivo rossoblu: "Un esonero è sempre una sconfitta ed è stato doloroso, decisione univoca con il presidente"

Roberto Gemmi, direttore sportivo del Cosenza, è intervenuto in conferenza stampa insieme a mister Viali. Di seguito una sintesi delle dichiarazioni del dirigente rossoblu:

L’ESONERO DI CASERTA È UNA SCONFITTA PER LA SOCIETÀ? – “È palese che quando viene esonerato un allenatore è un po’ una sconfitta della parte tecnica. Sicuramente non è il primo allenatore che viene esonerato, lo scopo è quello di migliorare il trend che c’era”.

L’ESONERO È DOVUTO A UN CAMBIO DI OBIETTIVI? – “Sono un po’ spiazzato dalla sorpresa dell’esonero, avevo percepito cose diverse ma ne prendo atto. L’obiettivo che ho avuto sin dall’inizio è cercare di migliorare costantemente, in questo lavoro non esiste chi non sbaglia, vince chi sbaglia meno. È una scelta faticosa e dolorosa, l’indirizzo è migliorare quanto fatto fino a oggi. Va dato merito a mister Caserta perché con lui c’è stato un lavoro importante. Ma nell’ultimo periodo c’è stato un appiattimento. Se poi si rivelerà una scelta frettolosa o tardiva, solo il tempo ce lo potrà dire. Chi decide è sempre soggetto a un possibile errore, il coraggio di decidere può premiare come no. Si è fatta una scelta per cercare di smuovere questo trend di appiattimento. Con malincuore perché sottolineo la qualità di Fabio, un ottimo allenatore, non è stato semplice dirlo”.

LA SCELTA DI VIALI – “Io lavoro molto semplicemente. Dopo ogni partita mi confronto con il presidente e insieme, mettendo sul tavolo le nostre opinioni, decidiamo. Le chiacchiere sono lontane dalla semplicità del percorso. Non è la prima volta che ci siamo confrontati su questa decisione. È stata difficile, perché prima pensavamo ci fossero margini. Non c’è il filone Guarascio e il filone Gemmi. La decisione è stata presa in maniera unilaterale”.

QUANTO HA INFLUITO LA SCONFITTA NEL DERBY – “La stima per Caserta resta alta, anche se ovviamente sarà risentito. Il derby comunque ha influito molto. In quegli step dove potevamo fare un salto in avanti si è sempre persa l’occasione. Questa cosa dispiace, perché poi numericamente la classifica è quella preannunciata. Ma se ti trovi in una situazione di limbo, sei appiattito, hai timore dell’irreparabile e punti a migliorare. Quello che non ha mai sbagliato un calcio di rigore in carriera è colui che non lo ha mai tirato”.

IL CONTRATTO DI MISTER VIALI SUGGERISCE UN LAVORO IN PROSPETTIVA – “Io ho sempre lavorato per mettere dei mattoni e fare dei programmi. Poi nel calcio i programmi sono difficili da fare, perché vengono condizionati dai risultati. Il contratto è stato fatto proprio per mettere un altro piccolo mattone”.

LA TEMPISTICA DELLA DECISIONE – “Abbiamo cercato di capire in profondità se fosse giusto o no prenderla. Non è una scelta che fa piacere. Probabilmente poteva essere fatta prima, o dopo, o non essere fatta. Nel calcio non è semplice capire il timing, ognuno ha la propria opinione”.

 

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Primo tempio di sofferenza nonostante il plao interno colpito da Calò su punizione il rigore...
Snodo cruciale per i Lupi che non vincono al Marulla dal 20 dicembre scorso. Tornano...
Tranne l’infortunato Martino e lo squalificato Marras stavolta l’allenatore Viali ha tutto l’organico a disposizione,...

Dal Network

Un altro pareggio per Michele Mignani. prima dell’esonero di Bari era l’allenatore che aveva ottenuto...

L'allenatore Michele Mignani sembra orientato a confermare il 3-4-1-2 con Di Francesco sulla trequarti...

Altre notizie

Tifo Cosenza