Resta in contatto

News

Coronavirus, Lotito all’attacco: “Non ci sono controindicazioni sugli allenamenti”

Il presidente della Lazio sempre più convinto che si debba riprendere l’attività. “Va solo adottato un protocollo che rispetti le norme che salvaguardano i calciatori”

Claudio Lotito, presidente della Lazio, non si arrende e torna all’attacco. Questa volta lo fa tramite i microfoni di Lazio Style Radio. “Nessuno vuole prendere sottogamba l’interesse della salute dei cittadini e dei nostri addetti ai lavori. I fatti però mi stanno dando ragione con l’esame sierologico. Non ci sono controindicazioni medico-scientifiche se viene adottato un protocollo che rispetti le norme che salvaguardano i calciatori”.

Il patron del club biancoceleste sottolinea i motivi per i quali, secondo lui, si può tornare ad allenarsi. Anche perché precisa che i locali di Formello sono stati ristrutturati e sanificati. “I giocatori hanno un fisico abituato a fare due sedute di allenamento al giorno, se lo blocchi due mesi gli crei non solo decadimento atletico ma anche fisico. Siamo stati i primi a sospendere gli allenamenti e rispettiamo le norme del governo, ma non c’è nessuna controindicazione medico-scientifica che blocca l’attività ai calciatori diversamente da tutte le altre attività che invece continuano a svolgersi”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Rob
Rob
1 mese fa

Lotito jonson insegna ……

Riccardo
Riccardo
1 mese fa

Visto che della salute dei calciatori,al contrario di quello che dice, non gliene fotte niente ,se malaguratamente dovesse riprendere la serie A ,sarei contentissimo se la Lazio comunque lo Scudetto non lo vincesse!😁😁😁😁 Nè quest’anno e nè quelli a seguire,fino a quando sarà lui il presidente della Lazio.

ginoX
ginoX
1 mese fa

Mah…..
Rassegnazione….. questa brutta parola che proprio non vuole entrare nella capoccia….

Advertisement

La Top 11 rossoblu di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Cavalli di raazza!!!Difficili ripetersi.Purtroppo per noi che siamo attaccati da anni (io da 60!) a questi splendidi colori!!!"

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Ricordo la convocazione di Rizzo nella Nazionale italiana ai mondiali del 1966 in Inghilterra. Rizzo non venne mai impiegato e questo gli evitò la..."

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "È vero, senza quel gol sarebbero cambiate tante cose"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Un insegnante di calcio."

Salvatore Soviero, 33 partite per entrare nel cuore del popolo rossoblu

Ultimo commento: "Lo scoprimmo in coppa Italia Maggiore quando inchiodò il Foggia sullo 0 a 0 nella gara d'andata al San Vito ( di allora)"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News