Resta in contatto

Esclusive

Ex Cosenza, l’allenatore Mutti fa le carte al campionato di Serie B

“Quest’anni mi piace molto e c’è tanto equilibrio, difficile fare un pronostico su chi andrà in A. Di certo non ci saranno né il Benevento, né il Crotone della passata stagione”

Terza parte dell’intervista in esclusiva a Bortolo Mutti, l’ex allenatore dei Lupi ha dato un giudizio sulla squadra e ha manifestato il suo pensiero su Occhiuzzi. Adesso ci soffermiamo sul campionato di Serie B che lui conosce molto bene e che segue da vicino come opinionista Rai. “La prima cosa che mi viene da dire – ha detto l’allenatore bergamasco – è che siamo di fronte a un campionato molto equilibrato. Le retrocesse dalla Serie A dopo le difficoltà iniziali, hanno ripreso un po’ in mano la situazione”.

Entra nel dettaglio Mutti. “In queste prime sette giornate ho visto bene il Chievo e il Venezia. Da sottolineare la riconferma del Cittadella. Poi ci sono squadre come il Monza che si si stanno consolidando, che sta entrando nella sua vera proiezione. Ripeto, ci vedo molto più equilibrio, specie in alta classifica. Non riesco – ha aggiunto l’ex tecnico del Cosenza – a individuare la squadra che la farà da padrona come il Benevento e il Crotone successivamente nella passata stagione. Di certo, posso dire tranquillamente che è un campionato molto bello”.

Ma chi, secondo Mutti, andrà in Serie A? “Non lo so dire… In questo momento vedo bene il ritorno della Spal, la crescita del Monza, il Frosinone stesso tutte squadre attrezzate per il salto di categoria. È un po’ presto… Però adesso che riprenderà il campionato si andrà avanti tutto d’un fiato per dieci partite in poco più di un mese. Si giocherà sempre e questo ci potrà dare risposte più certe sulla reale forza dei vari organici che sono stati costruiti”.

Ultima domanda sugli allenatori. Il calcio italiano sta tirando fuori tanti giovani. “Dico che Liverani ha fatto un ottimo lavoro a Lecce. Mi è piaciuto molto D’Aversa. Da sottolineare la costante crescita di Italiano il quale ha vinto a Trapani, si è ripetuto con lo Spezia e adesso si sta misurando con ottimi risultati in Serie A. poi c’è anche Pippo Inzaghi ma lui veniva già da esperienze importanti. Per il resto – ha concluso Lino Mutti – non amo sbilanciarmi, ce ne sono tanti bravi ma lo devono dimostrare nel tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Allan Baclet, l’eroe dei playoff

Ultimo commento: "il fatto che nessuno punta su Cosenza"

Gigi De Rosa, il professore

Ultimo commento: "Difensore tecnico e veloce, grande attaccamento alla maglia"

Giuliano Sonzogni, un tecnico vincente e anticonformista

Ultimo commento: "Per me il migliore allenatore del Cosenza e stato. Attilio De Maria. Forse voi siete troppo giovani per ricordarlo."

Franco Rizzo, il primo cosentino in nazionale

Ultimo commento: "Franco Rizzo grande mezzala con visione di gioco e con un destro potentissimo. Ero piccolo, ma ricordo perfettamente che quando giocava a Cagliari e..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive